La storia della Polizia Municipale di Foligno risale ad epoca remota ed affonda le sue radici agli albori del Regno d'Italia.

1861

Il primo ordinamento delle Guardie di Città, progenitori… dei Vigili Urbani e poi degli agenti di Polizia Municipale, porta la data del 26 aprile 1861.
L'organico è esiguo: appena sei guardie ed un solo graduato: il Capo Guardia.
I compiti istituzionali sono essenzialmente quelli di polizia locale e di rappresentanza nel corso di particolari manifestazioni e cerimonie.


1872

Nel 1872 l'armamento vede l'introduzione di una semplice carabina e il mantenimento della baionetta.

1877

Il 9 aprile 1877, dopo una serie di gravi disagi e turbamenti, dovuti soprattutto alla indisciplina delle guardie, il sindaco, Frenfanelli conte Serafino, scioglie il corpo e lo ricostituisce subito dopo con ex appartenenti ai Regi Carabinieri.

 
1883

Il 21 settembre 1883 viene stilato il primo regolamento organico e disciplinare: "è loro compito" - si legge nel primo capitolo - "di vigilare all'osservanza ad alla esecuzione dei regolamenti di polizia urbana, d'igiene e di tutti i regolamenti municipali intesi a garantire il godimento delle cose comuni, la salute, il comodo e la sicurezza dell'intiera popolazione".

Viene introdotta l'alta uniforme; il nuovo armamento è costituito da una sciabola, carabina con baionetta-daga e revolver.

1910

Nel 1910 il vecchio regolamento è rivisto e corretto; viene modificata anche la denominazione: non più Corpo delle Guardie di Città ma Corpo delle Guardie Municipali.

Nel frattempo c'è da fare i conti con il traffico: non solo carri, carrozze, omnibus trainati da cavalli, ma anche automobili e motociclette in circolazione, seppure in numero esiguo.

1920

Nel 1920 viene cancellata la denominazione di Guardie Municipali e sostituita con quella di Vigili Urbani; gli agenti sono 13 ed il Comandante può contare anche su di un sottufficiale.
Nel frattempo, per la mutata condizione politica del paese, nel 1925 il Corpo viene sciolto ed i servizi di polizia urbana sono affidati alle neo-guardie di pubblica sicurezza, dipendenti direttamente dal Ministero dell'Interno.

Passata con il suo carico di lutti e di rovine la seconda guerra mondiale, il 19 novembre 1946 il Corpo dei Vigili Urbani viene ricostituito.

Al quadrivio, come a porta Ancona, appare la pedana, sopra la quale il vigile, con gesti convenzionali, impartisce l'alt o il via libera: gesti prestabiliti ma, all'inizio, un po' teatrali. La gente fa capannello ai lati del crocevia, osserva, commenta, sorride, ammonisce e a volte, perché no, si stupisce.

Negli anni cinquanta a dar loro una mano, nella quotidiana fatica, sopraggiunge il primo semaforo. L'Amministrazione Comunale lo installa proprio al quadrivio.

Gli agenti assolvono ormai agli adempimenti e agli innumerevoli servizi di viabilità, ordine pubblico, incidentistica stradale, informazioni, annona.

Intorno agli anni '60 viene istituita la prima pattuglia in moto.

Il resto è storia dei nostri giorni. Oggi, il Corpo della Polizia Municipale ha un organico di circa 40 unità, compresi il Comandante, il Vice Comandante e gli ufficiali.


Testi:
Cap. Gilberto Scalabrini
S. Ten.  Giampiero Bianchini

Grafica

S. Ten. Giordano Bompadre

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE
Comune di Foligno
ALBO PRETORIO
Area ufficiale di consultazione
URP
URP
Sportello unico del cittadino
SUAPE
Sportello Unico Attività Produttive ed Edilizia
PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI
Comune di Foligno
STREAMING
Sedute Consiglio Comunale e Commissioni