DISPOSIZIONI EMERGENZIALI CONNESSE ALL'EPIDEMIA COVID-19 RIGUARDANTI IL SETTORE FUNEBRE E CIMITERIALE

Ordinanza Sindacale n. 81 del 02/04/2020



                                                         IL SINDACO
                                                               .......
                                                         O R D I N A

1. L’immediata chiusura al pubblico di tutti i cimiteri comunali fino a successivo specifico atto per impedire le occasioni di contagio dovute ad eventuale assembramento di visitatori.
2. La continuazione delle attività di esecuzione di esumazioni ed estumulazioni ordinarie e straordinarie al fine di rendere disponibili un numero più elevato possibile di sepolture al cimitero;
3. Che le attività di cui al punto 2 dovranno essere effettuate a cancelli cimiteriali chiusi dando priorità a quelle che richiedano la presenza di minor personale e operatori e limitando il numero dei familiari/personale ag. Funebri a max 2 persone complessive.
4. Che le attività di cui al punto 2 dovranno comunque essere eseguite in condizioni di sicurezza così come disposto dagli atti del Ministero della salute e dai regolamenti specifici legati all’emergenza Covid-19
5. La sospensione di ogni attività connessa ai servizi cimiteriali di iniziativa privata nei cimiteri, come manutenzione, ristrutturazione di tombe, lapidi, costruzioni ex novo di tombe. Restano consentiti i lavori necessari alla sepoltura dei defunti da parte dei gestori cimiteriali e quelli di realizzazione di ristrutturazione o costruzione ex novo di sepolture di emergenza.
6. Che nel registro cimiteriale di cui all’art. 52 del regolamento di polizia mortuaria approvato con D.P.R. 10 settembre 1990, n. 285, ricorrendone le condizioni, dovrà essere obbligatoriamente indicato che il feretro è stato confezionato per la sepoltura di defunto con malattia infettiva diffusiva, apponendo il codice “Y” (ypsilon).
7. Che l’estumulazione o la esumazione di feretri aventi la codifica “Y” di cui al comma precedente se eseguite prima di 24 mesi da quando si sia proceduto rispettivamente a tumulazione o a inumazione, sono da effettuarsi con procedure di salvaguardia del personale operante, dotato dei DPI adeguati, e in orario di chiusura al pubblico del cimitero. I loculi risultanti di nuovo liberi devono essere sanificati.