19-11-19 ANNIVERSARIO FONDAZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE - ZUCCARINI: "INTENDIAMO VALORIZZARE IL RUOLO DELLA POLIZIA LOCALE"

E’ stato ricordato a Foligno, nella sede consiliare, l’anniversario della fondazione del corpo di polizia municipale, fondato nel 1846. Nel suo intervento il sindaco di Foligno, Stefano Zuccarini, ha sottolineato che “la nostra volontà è quella di considerare il ruolo del vigile urbano, della Polizia Locale, non come una figura con il blocchetto in mano pronto a fare le multe ma come un amico del cittadino, un regolatore della vita sociale. Senza sminuirne ma anzi, valorizzando la sua funzione di Polizia Locale, come anche recentemente avvenuto nelle recenti operazioni legate ai controlli del cosiddetto 'daspo urbano' che ha permesso di fronteggiare alcune situazioni allarmanti da tempo denunciate dai cittadini, consentendo a tutti di riappropiarsi di aree e zone della città tornate ad essere più sicure, più decorose e pertanto più vivibili.  L’attenzione per il corpo di Polizia Municipale è e resta una delle priorità della nostra amministrazione, un processo che vogliamo e dobbiamo fare insieme, perchè i buoni risultati non si ripercuoteranno solo sulla vita dei singoli agenti ma sulla vita dell’intera comunità”. Nella sua relazione, il comandante del corpo di polizia municipale, Marco Baffa, ha ricordato, tra l’altro, che “la polizia locale è il principale regolatore della vita di tutti i giorni nello spazio pubblico delle città e nel territorio. Regola il traffico e contrasta i comportamenti di guida rischiosi, tutela i consumatori e garantisce il rispetto delle regole del commercio, tutela l’ambiente, controlla lo sviluppo edilizio e contrasta l’abusivismo, presidia, prevalentemente a piedi, lo spazio pubblico per garantire sicurezza nelle città e nel territorio”. Nell’evidenziare l’importante opera di sensibilizzazione nelle scuole a Foligno sul rispetto delle norme che disciplinano il codice della strada, Baffa ha ricordato – nel 2019, da gennaio ad ottobre - che è stato “elevato” il numero dei veicoli dei veicoli fermati e dei conducenti controllati (1013 in 305 posti di controllo con 292 conducenti sottoposti ad etilometro di cui 10 denunciati in stato di libertà all’autorità giudiziaria e con 3  veicoli confiscati. E sono state 179 le sanzioni elevate). Ci sono stati 50 controlli con autovelox, con 548 violazioni accertate e contestate ai conducenti fermati. Per l’inquinamento ambientale sono stati controllati 273 vecioli e contestate 36 violazioni con veicoli non conformi alle disposizioni dell’ordinanza sindacale. Fino al mese di ottobre sono state accertate 16.160 violazioni al codice della strada con 40 patenti ritirate e 71 patenti, oggetto di decurtazione di punti.
Nell’ambito dell’attività di controlli per la tutela del consumatore, ambiente e edilizia ci sono stati 66 controlli in materia di attività produttiva e 164 controlli per i pubblici esercizi, occupazioni di suolo pubblico, in particolare relativamente al cosiddetto fenomeno della movida con 186 controlli (per la corretta occupazione degli spazi concessi) e 11 violazioni per l’inosservanza degli spazi concessi. Rilevante il dato relativo al contrasto della sosta abusiva con 188 violazioni per sosta abusiva o irregolare nella Zona a Traffico Limitato. Nella gestione dei rifiuti sono stati 8 le persone denunciate per reati ambientali. Di rilievo anche l’attività in materia di polizia giudiziaria con 252 comunicazioni di notizie di reato all’autorità giudiziaria. Particolare il fatto che sono stati rinvenuti 684 oggetti (documenti rubati o smarriti) molti dei quali restituiti ai legittimi proprietari. Nel corso dei dieci mesi presi in esame nel 2019, il servizio protezione civile del comando ha gestito 85 allerte meteo, con la trasmissione di migliaia di messaggi sms attraverso un sistema centralizzato di allerte meteo ai cittadini e la gestione in 5 manifestazioni di impatto rilevante di 468 volontari dei vari gruppi di protezione civile. Per l’iniziativa di controllo del vicinato, a seguito di 7 incontri, nei vari territori, si sono formati 5 gruppi con oltre 250 volontari che con il loro contributo consentono di dare vita ad un sistema partecipativo dei cittadini, per garantire il presidio di legalità, che diventano  attori della sorveglianza nel loro territorio.
cr (vig)